TIA 2010

Comunicato stampa - TIA 2010 - vedi documento allegato

Deliberazione consiliare di approvazione del Piano Finanziario 2010 - vedi documento allegato

Modulistica

T.I.A. - Tariffa Igiene Ambientale

Il Comune di Ronchi dei Legionari dall’anno 2003 ha effettuato il passaggio da TARSU (Tassa sui rifiuti solidi urbani)  a TIA (Tariffa Igiene Ambientale).
La tariffa rifiuti è stata la diretta conseguenza del Decreto Legislativo 22/’97 che  ha disciplinato la gestione, il recupero e lo smaltimento di ogni tipo di rifiuto.
Il decreto, meglio conosciuto come “Decreto Ronchi”, aveva come finalità la creazione di un sistema integrato di gestione dei rifiuti con la riduzione della produzione, il riciclo attraverso la raccolta differenziata, il recupero energetico e la minimizzazione dell’uso delle discariche. La tariffa è lo strumento attraverso il quale coprire tutti i costi sostenuti per la gestione del ciclo dei rifiuti urbani e assimilati (raccolta, trattamento, trasporto e smaltimento), compresa la pulizia delle strade e delle aree pubbliche.
La TIA viene gestita da IRIS S.p.a. alla quale competono l’applicazione e la riscossione.
La tariffa è dovuta da chiunque, persona fisica o giuridica, occupi o conduca locali, od aree scoperte. a qualunque titolo.
La tariffa è composta da due parti, una quota fissa ed una quota variabile rapportata alla quantità di rifiuti conferiti, per la copertura totale dei costi.
Per le utenze domestiche (famiglie) la tariffa viene calcolata tenendo conto dei  metri quadrati di superficie occupata e del numero di persone che compongono il nucleo familiare.
Dunque, la TIA risulta più alta se, a parità di superficie, in un appartamento abitano quattro persone anziché due; con la vecchia tassa, invece, tutti gli immobili di uguale superficie pagavano la stessa cifra indipendentemente dal numero delle persone e, di conseguenza, dalla quantità di rifiuti prodotta.
La TIA dovuta dalle utenze non domestiche (imprese, negozi, uffici, ecc.) invece, tiene conto dei metri quadrati della superficie occupata e della capacità di produrre rifiuti a seconda del tipo di attività. La potenziale capacità è stabilita da una serie di parametri nazionali individuati dalla normativa (D.P.R. 158/1999) alla  quale la tariffa fa riferimento.
Per eventuali esenzioni o agevolazioni è opportuno fare riferimento al Regolamento TIA.
Dichiarazione di inizio, di variazione, di cessazione, ecc.
La dichiarazione va presentata su modulo prestampato (in distribuzione presso IRIS S.p.a.) entro 30 giorni dalla data effettiva di inizio, di variazione o cessazione;
La superficie dei locali assoggettata a tariffa, è determinata al netto dei muri perimetrali, mentre la superficie delle aree scoperte viene misurata sul perimetro interno delle stesse al netto di eventuali costruzioni in esse comprese.
La tariffa è dovuta anche per le parti comuni dei locali e delle aree scoperte di uso comune di centri commerciali integrati e per le multiproprietà.
Dove rivolgersi 
Per presentare la comunicazione di inizio, variazione o cessazione e per informazioni
IRIS S.p.a. 
Indirizzo: Via Cau de Mezo, n. 8
34077 RONCHI DEI LEGIONARI (Go)
Tel. 0481/ 770212

Servizi ambientali:
E-mail: info@irisisontina.it
Sito: www.irisisontina.it

Orario sportello clienti:
Lunedì e Mercoledì: dalle ore 14,00 alle ore 18,00
Martedì, Giovedì e Sabato: dalle ore   8,30 alle ore 12,30
Venerdì: chiuso

Per tutte le questioni relative alla TARSU fino al 31.12.2002
Ufficio Tributi - Comune di Ronchi dei Legionari, P.zza Unità, n. 1 – 34077 RONCHI DEI LEGIONARI (Go)
Responsabile: Paola Stafutti - Tel. 0481/477235-234-233; Fax: 0481/779200;
Indirizzo posta elettronica: tributi@com-ronchi-dei-legionari.regione.fvg.it
Sito: www.comuneronchi.it

Orario ufficio tributi 

Informazioni utili
Le agevolazioni sono disposte dall’art. 19 del vigente “REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI”.
E’ riconosciuta al Comune la facoltà di costituire un fondo, da destinare all’erogazione di contributi a favore degli utenti domesticicarattere economico e sociale (), con l’atto deliberativo dell’organo esecutivo che approva le tariffe. Tale fondo trova copertura finanziaria in un capitolo del bilancio di previsione di competenza ed è ripartito secondo i criteri di volta in volta stabiliti dalla Giunta comunale in sede di approvazione delle tariffe stesse tenendo conto:

  •  della situazione redittuale della famiglia (indicatore ISEE);
  •  del numero dei componenti la famiglia;
  •  della superficie dei locali e delle aree occupate.

Regolamento