Disinfestazione della zanzara

interventi da aprile ad ottobre

A seguito di quanto già pubblicato in data 12/07/2019 in merito alla “Campagna di disinfestazione della zanzara 2019”
Si comunica che la ditta incaricata dal comune, attiva con le disinfestazioni su tutto il territorio dal mese di aprile, visto il clima particolarmente favorevole al proliferare della zanzara, sta ancora procedendo con gli interventi. Tale attività proseguirà  orientativamente fino alla fine di ottobre, salvo cambio repentino delle condizioni meteo.
Il Comune pertanto procede principalmente con la campagna preventiva larvicida trattando sistematicamente le caditoie e bocche di lupo di tutte le vie cittadine e le aree umide come le aree cimiteriali oltre che con alcuni interventi anticulicidici adulticidi  in determinate aree più sensibili.
Maggior attenzione è stata rivolta agli ambiti scolastici in modo da assicurare la massima copertura.
Gli interventi sono stati implementati grazie all’ausilio dell’AAS n. 2 Bassa Friulana Isontina e dall’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste  e  sono stati attuati dalla ditta selezionata dalla stessa Azienda,  programmati con cadenza sistematica a fine luglio, fine agosto e fine settembre e si traducono sostanzialmente in trattamenti larvidici presso tutte le caditoie delle vie cittadine.
Come da Piano Nazionale di sorveglianza e risposta alle arbovirosi trasmesse da zanzare invasive (prorogato anche per il 2019 dal Ministero della Salute) nonché dal Piano regionale  si è attuata una disinfestazione urgente e specifica,  extra e straordinaria, vista l’emergenza  dovuta al caso umano di dengue accertato sul territorio, limitatamente alle aree individuate come da protocollo sanitario.
Si sottolinea che i servizi di disinfestazione sono  affidati a ditte specializzate ed i prodotti usati sono adatti ad uso civile e regolarmente registrati presso il Ministero della Salute.
Si coglie l’occasione per ricordare quanta importanza rivestono i trattamenti privati e le misure di prevenzione che i cittadini, proprietari o residenti, devono attuare presso le proprie pertinenze abitative e lavorative, presso  i fondi e gli immobili a qualsiasi uso destinati, che devono essere curati e monitorati per evitare ristagni d’acqua ed il proliferare di insetti nocivi.
Si rimanda per ulteriori approfondimenti al Regolamento di Igiene e Sanità in vigore dal 12/12/2018, in particolare gli artt. 45 e 46 e l’Allegato 2 “Misure di lotta alla zanzara tigre e agli insetti nocivi e molesti.